Kuiri. Nasce il kitchen sharing, una rivoluzione nel settore del food delivery

Kuiri. Nasce il kitchen sharing, una rivoluzione nel settore del food delivery

Kuiri è la nuova start-up nel settore del food delivery. Avvio dell’attività con tempi e investimenti iniziali ridotti e una consulenza di professionisti a disposizione.

In questi tempi di pandemia è emerso come sia di reale sostegno il mondo digital, in ogni settore di attività. Questo nuovo modo di approcciarsi al mondo della ristorazione e del delivery potrebbe essere una valida occasione per molti. Il sistema, imita il coworking e lo porta a disposizione di tutti nel mondo food. Il “kitchen sharing” – così è stato definito – offre anche una consulenza completa per sbrigare in poco tempo tutti gli adempimenti burocratici (e non sono pochi). Nel giro di un mese, in questo modo, si può aprire la propria cucina e il proprio brand. Kuiri fornisce quindi una completa consulenza “chiavi in mano” anche per la formazione del personale, la comunicazione, il packaging ecc. necessari al lancio del proprio ristorante virtuale.

Smart kitchen

Nel dettaglio

Grazie a “Kuiri”, il concetto di Cloud Kitchen va incontro a una ulteriore innovazione. Dalla costruzione di un sistema operativo 2.0 che si fonda sulla raccolta delle migliori “food-technology”, alla fiscalità, alla gestione degli ordini, anche multibrand. L’obiettivo è di ottimizzarne tutti gli aspetti in tempo reale e massimizzarne, così, l’efficienza.

Il progetto

Il progetto parte da Milano. Le Smart Kitchen messe a disposizione da “Kuiri”, grandi all’incirca 15 mq e collocate nelle zone più strategiche della città. Sono attrezzate come le migliori cucine professionali. Ma, a differenza delle Ghost Kitchen tradizionali, che non prevedono alcuna insegna, sono provviste di una vetrina dedicata. Presenti quindi un totem digitale, una finestra per il pick-up e aree comuni. Le aree comprendono una zona per il lavaggio industriale, un deposito per lo stoccaggio del secco, uno spogliatoio per il personale, una zona rifiuti e un dehors.

Inoltre ogni Smart Kitchen può essere personalizzata. Potrà infatti beneficiare della pulizia delle zone comuni, dell’accesso disponibile 24 ore su 24, della videosorveglianza e di un Kitchen Manager. È previsto un servizio di assistenza costante e di formazione per l’utilizzo del software gestionale e la conseguente indicizzazione dei propri brand sui migliori provider di food delivery presenti sul mercato.

Kuiri

Il CEO di Kuiri

“Le nostre Smart Kitchen – afferma Paolo Colapietro, sono dotate delle più avanzate tecnologie a un costo responsabile. Per tutti i nostri partner questo si traduce nel potersi focalizzare sull’ottimizzazione delle preparazioni per servire più clienti in un periodo di tempo breve, senza ostacoli burocratici e logistici. A tutto il resto, infatti, pensiamo noi, permettendo così a giovani imprenditori di avviare il proprio business in poco tempo, con un investimento iniziale particolarmente vantaggioso, in più eliminando i costi di ammortamento e offrendo una serie di vantaggi in grado di garantire un’affermazione veloce e stabile sul mercato”. 

I partner

Per completare e supportare il progetto, la rete di partner è stata scelta prendendo tra i migliori nei loro settori di competenza oltre ad esperti fornitori nel comparto food. Questo ha permesso di essere assolutamente presenti in ogni aspetto che questo tipo di attività, prevede.

Share

Written by:

21 Posts

View All Posts
Follow Me :